L’ultima riga delle favole

frasi Massimo Gramellini

C’era una volta —e c’è ancora– un’anima curiosa che vagava per gli spazi infiniti senza trovare un amore dentro il quale tuffarsi. Stava andando alla deriva negli abissi di un mare di noia quando sentì pulsare qualcosa. Una Luce, fatta di musica. E rimase inebetita da tanta bellezza. Disse solo una parola e si tuffò dentro di te. Allora vi siete dimenticati tutto e avete incominciato a vivere. Tu e la tua anima. Per sempre felici e contenti, prometteva l’ultima riga delle favole. Invece siete finiti in una gabbia, e le sue sbarre le ha costruite il dolore. Non riuscite più a stare insieme e neppure a staccarvi. Vi trascinate senza meta sotto il peso dell’infelicità e nei vostri pensieri il futuro assomiglia a un deserto dove la nostalgia prevale sul sogno e il rimpianto sulla speranza… Prima o poi –e più prima che poi– sentirai in sogno una voce di flauto. «Lei è la tua anima, mica un accidente. Se non te ne innamori, non amerai mai niente.» «Innamorarmi della mia anima! E come si fa?» «Ti do un indizio. Ricomincia dall’inizio…»
Massimo Gramellini – L’ultima riga delle favole

One thought on “L’ultima riga delle favole

  1. Pingback: mouse click the following web site